Sostegno dell’offerta di servizi educativi per la prima infanzia (3 – 36 mesi) – a.e. 2018/ 2019 di cui al D.D. R.T. n. 8781/2018. POR FSE 20147-2020

La Regione Toscana, con D.D. 8781/2018 ha approvato il bando per il “Sostegno dell’offerta di servizi educativi per la prima infanzia (3 – 36 mesi)”: bando rivolto ai Comuni della Toscana per promuovere e sostenere nel territorio regionale la gestione, diretta e indiretta, dei servizi educativi e per l'acquisto di posti bambino presso strutture educative accreditate, a favore di bambini di 3-36 mesi di età anche al fine di favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

Il Comune di Montepulciano ha aderito agli interventi:

  • per l'Azione 1.B gestione "indiretta" dei servizi: sostegno alle amministrazioni nella copertura delle spese di gestione dei servizi conferita mediante appalto o concessione;
  • per l'Azione 2 sostegno dell'offerta di servizi educativi tramite acquisto di posti bambino presso servizi accreditati mediante convenzionamento con le strutture educative.

Modalità di attuazione dell'Azione 2: I soggetti assegnatari delle risorse acquistano dai servizi accreditati le prestazioni educative erogate dagli stessi in termini di posti–bambino inseriti ad un costo unitario mensile concordato.

Al fine della realizzazione delle attività di cui all’Azione 2 le amministrazioni beneficiarie dei contributi e le strutture educative accreditate sottoscrivono una convenzione per la gestione e rendicontazione dei contributi.

I genitori/tutori dei bambini destinatari di questa azione devono essere in possesso di un ISEE, in corso di validità, per prestazioni agevolate rivolte a minorenni, inferiore a € 50.000,00.

In relazione alle modalità di assegnazione del beneficio la Regione Toscana ha individuato i seguenti criteri base:

  • l'importo massimo del costo di acquisto del posto-bambino a valere sulle risorse regionali ammonta ad Euro 400 mensili;
  • l'importo viene calcolato in modo tale che la retta mensile pagata direttamente, al netto del buono stesso, deve essere uguale o superiore all'importo massimo della tariffa prevista, a parità di condizioni economiche, per la medesima tipologia di servizio a titolarità comunale e per lo stesso modulo orario di frequenza.

 Le amministrazioni beneficiarie dei contributi devono:

  • individuare i servizi accreditati ove effettuare l'acquisto dei posti a mezzo di avviso pubblico per la manifestazione di interesse all'adesione al progetto regionale. Qui di seguito, la relativa documentazione

ALL-A-Avviso-manifestazione-interesse-servizi-2018-2019.pdf

  • approvare la graduatoria dei genitori dei bambini potenzialmente interessati all’acquisto di posti-bambino informati tramite avviso pubblico. Qui di seguito, la relativa documentazione

 Bando-nidi-FSE-Famiglie-2018-2019.pdf