Cerca nel sito

Motore di ricerca del sito

Menu di testata


Menu di navigazione

Osservatorio Turistico di Destinazione Osservatorio turistico di destinazione documentazione, calendario degli incontri, report.

Regole condivise per contrastare e gestire la violenza di genere

La Valdichiana Senese adotta un vero e proprio codice di comportamento, riconosciuto dalle istituzioni e dalle associazioni, da applicare nei casi di violenza di genere, in particolare contro le donne.

Si tratta di un protocollo che indica le procedure operative per l’attivazione e la gestione di percorsi di accoglienza e di uscita dalla violenza che ciascun soggetto delle Rete Antiviolenza del territorio (Centro antiviolenza, servizi sociali e sanitari, forze dell’ordine) può e deve mettere in atto, ognuno secondo le proprie specifiche competenze, di fronte a richieste di intervento.

E’ il risultato del lavoro svolto da un tavolo costituito nel 2009 dall’Unione dei Comuni Valdichiana Senese (ex-Comunità Montana), dalla USL 7, dalla Società della Salute e dall’Associazione Amica Donna – Centro antiviolenza della Valdichiana.

Ne è scaturito un elenco di procedure operative che contrastano questa gravissima forma di violazione dei diritti umani e che saranno presentate venerdì 6 dicembre, alle 16.30, presso l’Auditorium degli ospedali Riuniti della Valdichiana.

All’evento, coordinato da Lucia Berna, responsabile del Servizio associato “Pari Opportunità” dell’Unione dei Comuni, parteciperanno l’Assessore Provinciale Simonetta Pellegrini e Roberto Pulcinelli, responsabile di zona della USL 7 nonché direttore della Società della Salute.

Seguiranno gli interventi specialistici che inquadreranno il fenomeno della violenza di genere sotto il punto di vista sanitario, attraverso l’attività di pronto soccorso, sociale e normativo. Assunta Bigelli, Presidente dell’Associazione Amica Donna, illustrerà il ruolo del Centro Antiviolenza in Valdichiana mentre le conclusioni spetteranno a Natascia Volpi, Presidente del Centro Pari Opportunità.

Il lavoro di individuazione ed elaborazione delle procedure operative si è svolto attraverso numerosi focus group di auto-formazione, coordinati dal Centro Pari Opportunità, a cui ciascun soggetto facente parte del tavolo ha portato le proprie competente; gli incontri hanno consentito anzitutto di conoscere (e riconoscere) la violenza di genere e poi di creare una rete di rapporti che, migliorando la conoscenza reciproca, si traduce in una semplificazione degli approcci tra Istituzioni e associazioni e nella individuazione di soluzioni ai vari casi di violenza.

“Le procedure condivise sono un bel traguardo raggiunto dopo il superamento di problemi pratici legati all'accoglienza delle donne vittime di violenza” affermano dall’Unione dei Comuni della Valdichiana Senese. “E' un documento che, proprio perché applicato in pratica, potrà essere soggetto a miglioramento continuo con l’obiettivo di offrire un aiuto sempre più efficace alle donne maltrattate. Per uscire dal tunnel della violenza occorrono infatti supporti psicologici e legali e aiuti concreti”.

Menu dei collegamenti di utilità