Cerca nel sito

Motore di ricerca del sito

Menu di testata


Menu di navigazione

Osservatorio Turistico di Destinazione Osservatorio turistico di destinazione documentazione, calendario degli incontri, report.

Lotta obbligatoria contro la processionaria

AREA AMBIENTE

Lotta obbligatoria contro la “ processionaria del pino”


La Regione Toscana ha segnalato una possibile/probabile infestazione di processionaria del pino a partire dal mese di febbraio. La previsione si basa sull’analisi comparata delle temperature invernali, in questo autunno inverno eccezionalmente miti e delle presenza sulle piante di pino maggiormente soleggiate e meglio esposte di numerosi e grossi nidi di colore bianco candido dove svernano le larve dell’insetto.

L'insetto attacca solo il genere Pinus e in questo periodo sono visibili i nidi sia sulle cime che sulle branche laterali delle piante.

Semplificando si potrebbe asserire che in caso di annate con forti attacchi si notano sulle medesime piante sia
nidi apicali ed alti che nidi sulle ramificazioni laterali. Si riscontra inoltre che le dimensioni dei nidi, sericei e
di color biancastro, portano a contenere un numero di larve che può raggiungere le 300 unità.

A partire dalle giornate più calde le larve escono dai nidi, si nutrono e si spostano in processione verso il basso. Ed è questa la fase del ciclo biologico più "pericolosa" perché, nella migrazione al suolo le larve provviste di peli urticanti, arrecano fastidiosissimi eritemi cutanei a chi ne viene in contatto (uomini e animali domestici).

La lotta alla processionaria del pino risulta obbligatoria ai sensi del Decreto Ministeriale del 30 ottobre 2007
pubblicato sulla GU n°40 del 16 febbraio 2008.

Gli interventi di profilassi finalizzati alla prevenzione dei rischi connessi alla salute delle persone o degli
animali sono disposti dalla Autorità sanitaria competente.

In questo periodo e con queste previsioni si consiglia i cittadini di:
1 – provvedere, in caso vengano riscontrati i nidi della processionaria, alla tempestiva rimozione da parte di
operatori adeguatamente protetti e al successivo abbruciamento.
2 – nel caso che non sia possibile la rimozione dei nidi la zona soggiacente sotto le chiome infestate deve
essere isolata con nastro e cartellonistica che segnali la presenza delle larve
3 – il Sindaco può inoltre ricorrere all’ordinanza per obbligare i privati cittadini proprietari di piante di pino
infestate da processionaria del pino ad ottemperare alla lotta.

Approfondimenti ai link:
http://www.regione.toscana.it/imprese/agricoltura
http://meta.arsia.toscana.it/meta/meta?&id_cms_doc=4

Ufficio Ambiente
Comune di Montepulciano
Tel. 0578 712239

Menu dei collegamenti di utilità