Decreto legislativo n. 33 del 14.03.2013

Articolo 22, comma 1, lettera b 
"Obblighi di pubblicazione dei dati relativi agli enti pubblici vigilati, e agli enti di diritto privato in controllo pubblico, nonché alle partecipazioni in società di diritto privato"

1. Ciascuna amministrazione pubblica e aggiorna annualmente:
a) l'elenco degli enti pubblici, comunque denominati, istituiti, vigilati e finanziati dalla amministrazione medesima ovvero per i quali l'amministrazione abbia il potere di nomina degli amministratori dell'ente, con l'elencazione delle funzioni attribuite e delle attività svolte in favore dell'amministrazione o delle attività di servizio pubblico affidate;
b) l'elenco delle società di cui detiene direttamente quote di partecipazione anche minoritaria indicandone l'entità, con l'indicazione delle funzioni attribuite e delle attività svolte in favore dell'amministrazione o delle attività di servizio pubblico affidate;
c) l'elenco degli enti di diritto privato, comunque denominati, in controllo dell'amministrazione, con l'indicazione delle funzioni attribuite e delle attività svolte in favore dell'amministrazione o delle attività di servizio pubblico affidate. Ai fini delle presenti disposizioni sono enti di diritto privato in controllo pubblico gli enti di diritto privato sottoposti a controllo da parte di amministrazioni pubbliche, oppure gli enti costituiti o vigilati da pubbliche amministrazioni nei quali siano a queste riconosciuti, anche in assenza di una partecipazione azionaria, poteri di nomina dei vertici o dei componenti degli organi;
d) una o più rappresentazioni grafiche che evidenziano i rapporti tra l'amministrazione e gli enti di cui al precedente comma.

Articolo 22, comma 2 e 3
"Obblighi di pubblicazione dei dati relativi agli enti pubblici vigilati, e agli enti di diritto privato in controllo pubblico, nonché alle partecipazioni in società di diritto privato"

2. Per ciascuno degli enti di cui alle lettere da a) a c) del comma 1 sono pubblicati i dati relativi alla ragione sociale, alla misura della eventuale partecipazione dell'amministrazione, alla durata dell'impegno, all'onere complessivo a qualsiasi titolo gravante per l'anno sul bilancio dell'amministrazione, al numero dei rappresentanti dell'amministrazione negli organi di governo, al trattamento economico complessivo a ciascuno di essi spettante, ai risultati di bilancio degli ultimi tre esercizi finanziari. Sono altresì pubblicati i dati relativi agli incarichi di amministratore dell'ente e il relativo trattamento economico complessivo.
3. Nel sito dell'amministrazione è inserito il collegamento con i siti istituzionali degli enti di cui al comma 1, nei quali sono pubblicati i dati relativi ai componenti degli organi di indirizzo e ai soggetti titolari di incarico, in applicazione degli articoli 14 e 15.
4. Nel caso di mancata o incompleta pubblicazione dei dati relativi agli enti di cui al comma 1, è vietata l'erogazione in loro favore di somme a qualsivoglia titolo da parte dell'amministrazione interessata.
5. Le amministrazioni titolari di partecipazioni di controllo promuovono l'applicazione dei principi di trasparenza di cui ai commi 1, lettera b), e 2, da parte delle società direttamente controllate nei confronti delle società indirettamente controllate dalle medesime amministrazioni.
6. Le disposizioni di cui al presente articolo non trovano applicazione nei confronti delle società, partecipate da amministrazioni pubbliche, quotate in mercati regolamentati e loro controllate.

Legge n.190 del 23.12.2014

Articolo 1, comma 611
611. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 3, commi da 27 a 29, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, e successive modificazioni, e dall'articolo 1, comma 569, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, e successive modificazioni, al fine di assicurare il coordinamento della finanza pubblica, il contenimento della spesa, il buon andamento dell'azione amministrativa e la tutela della concorrenza e del mercato, le regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano, gli enti locali, le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, le università e gli istituti di istruzione universitaria pubblici e le autorità portuali, a decorrere dal 1º gennaio 2015, avviano un processo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie direttamente o indirettamente possedute, in modo da conseguire la riduzione delle stesse entro il 31 dicembre 2015, anche tenendo conto dei seguenti criteri:
a) eliminazione delle società e delle partecipazioni societarie non indispensabili al perseguimento delle proprie finalità istituzionali, anche mediante messa in liquidazione o cessione;
b) soppressione delle società che risultino composte da soli amministratori o da un numero di amministratori superiore a quello dei dipendenti;
c) eliminazione delle partecipazioni detenute in società che svolgono attività analoghe o similari a quelle svolte da altre società partecipate o da enti pubblici strumentali, anche mediante operazioni di fusione o di internalizzazione delle funzioni;
d) aggregazione di società di servizi pubblici locali di rilevanza economica;
e) contenimento dei costi di funzionamento, anche mediante riorganizzazione degli organi amministrativi e di controllo e delle strutture aziendali, nonchè attraverso la riduzione delle relative remunerazioni.

Articolo 1, comma 612
612. I presidenti delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano, i presidenti delle province, i sindaci e gli altri organi di vertice delle amministrazioni di cui al comma 611, in relazione ai rispettivi ambiti di competenza, definiscono e approvano, entro il 31 marzo 2015, un piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie direttamente o indirettamente possedute, le modalità e i tempi di attuazione, nonchè l'esposizione in dettaglio dei risparmi da conseguire. Tale piano, corredato di un'apposita relazione tecnica, è trasmesso alla competente sezione regionale di controllo della Corte dei conti e pubblicato nel sito internet istituzionale dell'amministrazione interessata. Entro il 31 marzo 2016, gli organi di cui al primo periodo predispongono una relazione sui risultati conseguiti, che è trasmessa alla competente sezione regionale di controllo della Corte dei conti e pubblicata nel sito internet istituzionale dell'amministrazione interessata. La pubblicazione del piano e della relazione costituisce obbligo di pubblicità ai sensi del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33.


SOCIETA' PARTECIPATE:

APEA SRL.pdf

www.apea.siena.it

Bilancio 2016

Bilancio 2015


CONSORZIO TERRE CABLATE.pdf

www.consorzioterrecablate.it

Bilancio_2017.pdf

Bilancio 2016

Bilancio 2015


INTESA SPA.pdf

www.intesa.siena.it

BIlancio_2017.pdf

Bilancio 2016

Bilancio 2015 


LFI.pdf

www.lfi.it

Bilancio_2017.pdf

Bilancio 2016

Bilancio 2015


MICROCREDITO DI SOLIDARIETA' SPA.pdf

www.microcreditosolidale.eu

Bilancio_2017.pdf

Bilancio 2016

Bilancio 2015


MONTEPULCIANO SERVIZI SRL.pdf

Bilancio_2017.pdf

Bilancio 2016

Bilancio 2015


NUOVE ACQUE SPA.pdf

www.nuoveacque.it

 Bilancio_2017.pdf

Bilancio 2016

Bilancio 2015


PATTO 2000 SCARL.pdf

www.patto2000.it

Bilancio_2017.pdf

Bilancio 2016

Bilancio 2015


SIENA AMBIENTE SPA.pdf

www.sienambiente.it

Bilancio_2017.pdf

Bilancio 2016

Bilancio 2015


SIENA CASA SPA.pdf

www.sienacasa.net

Bilancio_2017.pdf

Bilancio 2016

Bilancio 2015


S.T.B SRL.pdf

 Società in liquidazione


TERRE DI SIENA LAB SRL.pdf

www.terredisienalab.it

Bilancio_2017.pdf

Bilancio 2016



 

Di seguito, in ottemperanza alla normativa vigente, l'elenco delle società di cui l'amministrazione detiene direttamente quote di partecipazione anche minoritaria, con l'indicazione dell'entità della partecipazione, delle funzioni attribuite ad ogni società e delle attività svolte in favore dell'amministrazione o delle attività di servizio pubblico affidate.

Elenco società e percentuali.pdf

Incarichi di amministratori comunali in società partecipate.pdf

Nomine e compensi (Gennaio 2018).pdf



PIANI OPERATIVI DI RAZIONALIZZAZIONE

Legge n. 190/2014, articolo 1, comma 611 e 612

2016

Piano operativo di razionalizzazione delle Società partecipate e delle partecipazioni societarie

approvato con

Delibera Giunta Comunale n. 85/2016

2015

Piano operativo di razionalizzazione delle Società partecipate e delle partecipazioni societarie

approvato con

Delibera Consiglio Comunale n.9 del 30.3.2015

2017

Il D.lgs. 175/2016 (il c.d. "Testo Unico delle società  a partecipazione pubblica") come integrato dal D.lgs. 100/2017 ha disposto che entro il 30 settembre 2017 tutte le Amministrazioni Pubbliche sono tenute ad effettuare la revisione straordinaria delle partecipazioni.

Di seguito in ottemperanza del TUSP:

Delibera di Consiglio Comunale n. 88 del 29.09.2017.pdf  

Revisione straordinaria della Partecipazioni 2017 (Allegato A).pdf

DELG_270 DEL 01.10.2018 - PRESA D’ATTO DELLA RICOGNIZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE AZIONI DI REVISIONE STRAORDINARIA DELLE PARTECIPAZIONI.pdf 

ALLEGATO A - PRESA D'ATTO DELLA RICOGNIZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE AZIONI DI REVISIONE STRAORDINARIA DELLE PARTECIPAZIONI .pdf



Definizione gruppo amministrazione pubblico (GAP) e area di consolidamento

Delibera Consiglio Comunale n. 356 del 23.12.2016

Identificazione del perimetro di consolidamento

Delibera Giunta Comunale n. 250 del 27.09.2017 (identificazione area di consolidamento).pdf

 Per visualizzare il bilancio consolidato cliccare qui
Delibera Giunta Comunale n. 236 del 27.08.2018_GAP.pdf


Regolamento per il controllo analogo delle società in house

Delibera Consiglio Comunale n.113 del 28.12.2016

Regolamento sette